Parlate direttamente con il nostro esperto, +372 605 4895
Realizzato circa 3994 case in legno
  • Olandese
  • Inglese
  • Estone
  • Finlandese
  • Francese
  • Tedesco
  • Italiano
  • Russo
  • Spagnolo
  • Svedese

Elementi della casa

Prete esterna intonacabile

2015_VS+HP4

Offriamo tipologie di pareti esterne che permettono di usare intonaco o pietre decorative nelle finiture.

Il telaio portante utilizza montanti di sezione variabile in funzione del numero di piani dell’edificio e della zona climatica di destinazione , da 145mm a 195mm a 220mm
Applicata all’interno della parete portante, si crea uno spazio aggiuntivo di 45mm per la posa degli impianti, questa intercapedine tecnica viene in ultimo riempita con lane d’isolamento.

Sulla superficie esterna della parete e’ possibile montare, per esempio, un pannello isolante, pretrattato per l’intonacatura, da 50 o da 100mm.
Una parete così descritta raggiunge facilmente valori di trasmittanza termica molto bassi: U < 0,13 W/m²K.

Parete esterna con rivestimento in perline

2015_SEIN-195-KARKASS+VL3

Offriamo anche tipologie di pareti esterne con finitura in perlinato di legno.

il telaio portante utilizza montanti di sezione variabile in funzione del numero di piani dell’edificio e della zona climatica di destinazione , da 145mm a 195mm a 220mm
Applicata all’interno della parete portante, si crea uno spazio aggiuntivo di 45mm per la posa degli impianti, questa intercapedine tecnica viene in ultimo riempita con lane d’isolamento.

Nella finitura esterna possimo usare le perline di legno di esseza diversa, con diversi profili ed orientamenti ed infine colorate con speciali prodotti da noi garantiti per resistenza alle intemperie ed al sole mediterraneo.

Tutto questo risulta in una parete di trasmittanza termica molto bassa, con un valore U < 0,16 W/m²K.

Pareti interne

2015_SEIN-KARKASS+K3

Ci sono tre tipi di pareti interne.

  • Pareti interne portanti

Le Pareti interne portanti che impiegano montanti di sezione variabile in funzione del numero di piani dell’edificio , da 120mm a 145mm a 195mm
Al telaio in travi viene aggiunta l’isolazione ( acustico e termico).

  • Pareti interne non portanti

Le Pareti interne non portanti che impiegano montanti di sezione 70mm o 95mm.
Al telaio viene aggiunta l’isolazione ( acustic a e termica ), si chiude il telaio ambo i lati con lastra di finitura di cartongesso . Talvolta, se necessario per ragioni strutturali, si inserisce anche la lastra di OSB3.

  • Pareti divisorie tra appartamenti

Le pareti divisorie tra appartamenti sono pareti doppie, con interposto un intercapedine aggiuntivo , opportunamente isolato, per migliorare l’insonorizzazione e le prestazioni di barriera anti-incendio. Entrambi i lati esterni della parete divisoria sono finiti con doppia lastra di cartongesso.

Solaio interpiano

VL-PANEL-_20152

Il solaio interpiano è costituito solitamente da una orditura di travi con sezione variabile da 195mm a 245mm. La parte inferiore della soletta e’ chiusa con telo freno vapore e un ordito di listelli in legno per il fissaggio sella pannellatura di finitura all’intradosso; all’interno del solaio, tra le travi, trovia posto la lana di isolazione di spessore 150 o da 200mm.

All’estradosso le travi sono collegate tra loro da un impalcato, realizzato con pannelli in OSB3 22mm con funzione statica di controvento e di ripartizione dei carichi. Sopra il pannello OSB si puo’ posare comodamente il materiale desiderato per i pavimenti – piastrelle, parquet o altro. Per il posizionamento degli impianti si può sovraporre all’impalcato, la identica struttura coibentata sempre prevista per il piano terra.

Struttura coibentata di sottopavimentazione a quota zero

VL-PANEL-_20152

La struttura di sottopavimentazione coibentata si realizza sempre quando esiste già una soletta in cemento armato a quota zero.
E’ costituito solitamente da una orditura di travi con sezione 95mm. con interposta lana di coibentazione di spessore 100mm. La parte superiore dell’elemento e’ coperta con il telo barriera vapore e sopra quello il pannello OSB da 22mm. Sopra il pannello OSB si puo’ posare comodamente il materiale desiderato per i pavimenti – piastrelle, parquet o altro.
All’interno di questo intercapedine coibentato, orizzontale , vengono comodamente alloggiati gli impianti, elettrici, idrici, ventilazioni forzate di ricambio aria climatizzata

La parte inferiore della soletta e’ chiusa con telo antivento o con una lastra di compensato antiacqua.

Solaio in legno a quota zero

Il solaio in legno a quota zero, si realizza talvolta in alternativa ad una soletta di cemento armato.
E’ costituito solitamente da una orditura di travi con sezione variabile da 195mm a 245mm.
Tra le travi viene posato il materiale isolante – lana di roccia o lana di vetro da 150mm o da 200mm.

La parte inferiore della soletta e’ chiusa con telo antivento o con una lastra di compensato antiacqua.

La parte superiore dell’elemento e’ coperta con il telo barriera vapore e sopra quello il pannello OSB da 22mm. Sopra il pannello OSB si puo’ posare comodamente il materiale desiderato per i pavimenti – piastrelle, parquet o altro.

Per ottenere un’isolamento ancora migliore si puo’ posare un’ulteriore travatura da 95mm sopra le travi portanti che permette di aggiungere altri 100mm di isolamento. Una costruzione della soletta del genere ha gia’ una trasmittanza termida del 0,13 W/m²K.

Solaio di copertura

K_PANEL_PALMATIN_20152

Il solaio del tetto si costruisce solitamente con travi portanti da 195mm, colmando lo spazio tra le travi con materiale isolante da 200mm. Dove necessario e’ possibile usare delle capriate che si giuntano con delle piastre speciali e permettono di ottenere una costruzione di bassissima trasmittanza termica.

Sotto le travi portanti si posa la barriera vapore sopra cui si posa la listellatura per il passaggio degli impianti da 45mm o da 95mm. Anche questo spazio si riempie dopo l’installazione degli impianti con il materiale isolante che migliora ulteriormente la coimbentazione del tetto.

Alla listellatura si fissa il cartongesso o perlinatura per il soffitto.

Sopra le travature portanti si fissa il telo antigoccia traspirante, specifico per coperture, che funziona anche da barriera antivento.

Sopra il telo antivento si fissa la listellatura per ventilazione e la struttura del tetto si finisce con il pannello OSB da 22mm o con tavole e manto di copertura in lamiera d’acciaio stampo tegola.